Area riservata ai Soci

SETTING

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER per rimanere sempre informato sulle iniziative dell'ASP.

VISITE AL SITO ASP

OggiOggi20
IeriIeri38
In settimanaIn settimana357
Nel meseNel mese1345
TotaleTotale26468
Nuovi modelli psicoanalitici per la teoria e per la clinica - Ciclo di seminari Condotti dal dottor Mauro Manica -
      PROGRAMMA     L'intenzione che attraversa questo ciclo di seminari è quella di tentare di delineare percorsi teorici e clinici che, muovendo dalla tradizione psicoanalitica per sottolinearne gli aspetti di continuità, incrociano momenti in cui l'emergere di nuovi modelli (Bion, ad esempio e la psicoanalisi post-bioniana) inserisce anche e...

Read more

SEMINARI CLINICO TEORICI CONDOTTI DA ANTONELLO CORREALE 2018
CICLO DI SEMINARI CLINICI TEORICIcondotti dal dott. Antonello Correale ISCRIZIONE SOLO ONLINE. CLICCA QUI. PROGRAMMAL’Associazione di Studi Psicoanalitici ripropone nel corso del 2018 quattro appuntamenti per un numero ristretto di partecipanti, quale occasione privilegiata di riflessione e ricerca sull'intervento psicoanalitico nel campo clinico...

Read more

Sabato ASP 16 dicembre - La psicologia mafiosa: un fondamentalismo nostrano. Ricerca e intervento clinico
    Scatto fotografico di Luca Zanini, g.c.   Relatori: Luciana Calvarese, Girolamo Lo Verso   16 dicembre 2017 ore 9.30 - 13,00 sede ASP di Milano, via Giovan Battista Pergolesi, 27     Il Consiglio Direttivo dell'ASP, consapevole dell'importanza scientifica e formativa della Rivista "Setting" e del suo prezioso ruolo formativo e scien...

Read more

Sabato ASP 11 novembre 2017 Il setting carcerario...
  Il setting carcerario: quale dispositivo di psicoterapia possibile tra deficit di pensabilità e meccanismi scissionali       Relatori: Luca Alici, Lucia Castellano, Grazia Fortunato, Matteo Limiti, Giovanna Tatti  È possibile iscriversi ON LINE cliccando qui   L'evento si terrà presso la sede dell'ASP invia Giovan Battista Pergolesi, ...

Read more

Sabato 14 ottobre - LO SCARABOCCHIO DINAMICO TRASFORMATIVO teoria ed esemplificazioni cliniche
LO SCARABOCCHIO DINAMICO TRASFORMATIVO teoria ed esemplificazioni cliniche    www.newscribble.it È possibile iscriversi ON LINE cliccando qui Che cos’è lo Scarabocchio Dinamico Trasformativo? “È difficile spiegare come da un gesto così semplice, come è quello di tracciare degli scarabocchi, a occhi chiusi, dove la mano va… la testa possa ela...

Read more

CONGRESSO INTERNAZIONALE: La rivoluzione intersoggettiva. Le implicazioni per la psicoanalisi e la psicoterapia
ASSOCIAZIONE DI STUDI PSICOANALITICI ASSOCIATION of PSYCHOANALYTIC STUDIES   Milano, Via Pergolesi 27 - www.associazionestudipsicoanalitici.it      COFANETTO CON CHIAVETTA USB CON I VIDEO DELLE RELAZIONI PRESENTATE CLICCA QUI PER VEDERE L'INDICE DEI CONTENUTI E PER ACQUISTARE IL COFANETTO (20 euro + eventuali spese di sped...

Read more

SABATO ASP 25 febbraio 2017 "Inconsci, coscienza e desiderio. L’incertezza in psicoanalisi"
“Inconsci, coscienza e desiderio. L’incertezza in psicoanalisi” Giuseppe Craparo, Riccardo Williams   2° SABATO ASP  2017 - 25 Febbraio 2017 - ore 10.00-13.00 Sede  ASP, Milano – Via Pergolesi 27 È possibile iscriversi ON LINE cliccando qui   Cosa contraddistingue la pratica psicoanalitica dalle altre psicoterapie? È la domanda che dà il via...

Read more

SABATO ASP 21 gennaio 2017 - “Violence, Terror and Terrorism Today: Psychoanalytic Perspectives”
“Violence, Terror and Terrorism Today: Psychoanalytic Perspectives”      SABATO ASP  21 gennaio 2017 ore 10.00-13.00 È possibile iscriversi ON LINE cliccando qui   Carla Weber - Paura, violenza e terrore. Ipotesi diagnostica di vittimizzazione secondaria                                           Quando paura, angoscia e terrore prevalgon...

Read more

Nuovi modelli psicoanalitici per la teoria e per la clinica - Ciclo di seminari Condotti dal dottor Mauro Manica -
Nuovi modelli psicoanalitici per la teoria e per la clinica - Ciclo di seminari Condotti...
SEMINARI CLINICO TEORICI CONDOTTI DA ANTONELLO CORREALE 2018
SEMINARI CLINICO TEORICI CONDOTTI DA ANTONELLO CORREALE 2018
Sabato ASP 16 dicembre - La psicologia mafiosa: un fondamentalismo nostrano. Ricerca e intervento clinico
Sabato ASP 16 dicembre - La psicologia mafiosa: un fondamentalismo nostrano. Ricerca e intervento clinico...
Sabato ASP 11 novembre 2017 Il setting carcerario...
Sabato ASP 11 novembre 2017 Il setting carcerario...
Sabato 14 ottobre - LO SCARABOCCHIO DINAMICO TRASFORMATIVO teoria ed esemplificazioni cliniche
Sabato 14 ottobre - LO SCARABOCCHIO DINAMICO TRASFORMATIVO teoria ed esemplificazioni cliniche
CONGRESSO INTERNAZIONALE: La rivoluzione intersoggettiva. Le implicazioni per la psicoanalisi e la psicoterapia
CONGRESSO INTERNAZIONALE: La rivoluzione intersoggettiva. Le implicazioni per la psicoanalisi e la psicoterapia
SABATO ASP 25 febbraio 2017 "Inconsci, coscienza e desiderio. L’incertezza in psicoanalisi"
SABATO ASP 25 febbraio 2017 "Inconsci, coscienza e desiderio. L’incertezza in psicoanalisi"
Giornata Amadei 18 febbraio 2017
Giornata Amadei 18 febbraio 2017
SABATO ASP  21 gennaio 2017 - “Violence, Terror and Terrorism Today:  Psychoanalytic Perspectives”
SABATO ASP 21 gennaio 2017 - “Violence, Terror and Terrorism Today: Psychoanalytic Perspectives”...

Sabato 14 ottobre - LO SCARABOCCHIO DINAMICO TRASFORMATIVO teoria ed esemplificazioni cliniche

by Super User
Visite: 2828

LO SCARABOCCHIO DINAMICO TRASFORMATIVO

teoria ed esemplificazioni cliniche

 

 www.newscribble.it

È possibile iscriversi ON LINE cliccando qui

Che cos’è lo Scarabocchio Dinamico Trasformativo? “È difficile spiegare come da un gesto così semplice, come è quello di tracciare degli scarabocchi, a occhi chiusi, dove la mano va… la testa possa elaborare poi… perché non è difficoltoso identificare i disegni: io guardo l’immagine e posso vederci quello che voglio… è la mia fantasia che va. E poi tutto quello che si muove dentro quando si elabora la storia… sono parole che escono, ma non sono pensate; il disegno viene dalla mano e io non la controllo, non mi interessa che le linee si intersechino o meno… la mia mano va. È come quando apri un vaso ed esce fuori tutto. È la scintilla, mi basta solo la scintilla e poi, senza neanche riflettere, la storia esce. Montagne russe! Secondo me ha questo andamento lo Scarabocchio. Ed è bello il momento della discesa perché è lì che uno non pensa… è talmente veloce che uno non riesce neanche a capire bene che cosa sta succedendo.” (Una paziente di 32 anni)

Il seminario di formazione intende illustrare l’uso clinico dello Scarabocchio DT, uno strumento che, come sostiene Ferro, si pone come “un punto di arrivo del proto-mentale e un punto di partenza da esso”, che va a toccare elementi di una memoria implicita, psico-sensoriale, che creano  sia le condizioni di imprevedibilità e di sorpresa che gli ingredienti per una narrazione dell’identità. Attraverso le sue linee tracciate in assenza di memoria e di desiderio, lo Scarabocchio DT rappresenta un pre-testo narrativo per storie da raccontare e per un dialogo intrapsichico e intersoggettivo che può “dare speranza e percorribilità a sentieri di vita interrotti e aprirne altri del tutto imprevedibili”. (Antonino Ferro)

In questi anni l’attività del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio DT ha sviluppato ed applicato questa tecnica in diversi setting clinici e con pazienti di diversa età (bambini, adolescenti e adulti)

Nell’inquadramento clinico psico-diagnostico, l’utilizzo dello Scarabocchio accanto a test proiettivi quali: test carta-matita, Blacky pictures, Rorschach, T. A. T e C.A.T. permette al paziente di creare, partendo solo ed esclusivamente da sé. Non vengono somministrate tavole precostituite, non si danno consegne riguardanti il cosa disegnare o materiali particolari e selezionati con i quali creare. Lo Scarabocchio DT permette l’emergere di tematiche, conflittualità e risorse tipiche del paziente che, nel rappresentare graficamente e nell’inventare storie, parla un proprio “linguaggio specifico” fatto di immagini tradotte in parole, storie, ambienti, intrecci e vicende che permettono di rivivere una dinamica interna profonda, a volte faticosa, che fino all’emergere del sintomo non aveva trovato possibilità di manifestarsi in tutta la sua crudeltà e potenza. Tradurre il sintomo in un “linguaggio altro” fatto di colori, immagini, parole ed emozioni è ciò che permette di poterne parlare e apre la via ad altre mille narrazioni possibili che piano piano possono portare al cambiamento; lo scarabocchio è un romanzo che non ha mai un finale ma che mette in gioco personaggi sempre più complessi e completi che danno origine a dialoghi interminabili. Spesso, inoltre, le restituzioni delle valutazioni psicodiagnostiche sono faticose, poco chiare, ricche di troppi termini psicologici difficili da comprendere da parte del paziente e, se si tratta di un minore, da parte dei genitori. Utilizzare la storia emersa dallo Scarabocchio aiuta a parlare un linguaggio condiviso, fatto di immagini e di simboli molto più facilmente fruibili perché appartengono al mondo interno del paziente.

Nella psicoterapia psicoanalitica lo Scarabocchio DT introduce una variante di discontinuità e soprattutto di sorpresa e quindi un “now moment” (D. Stern) perché riattiva un aspetto emozionale che rompe con la coazione a ripetere e quindi crea delle prospettive insperate e non viste prima, non pensate prima, non sognate prima: è uno strumento per pensare i pensieri non pensati e sogni non sognati, è un attivatore del processo psicoanalitico. Aiuta a gestire gli intensi contenuti emotivi che il paziente spesso tende ad agire e a scaricare a livello motorio. E’ possibile così sviluppare un contenitore più forte e mettere in narrazione ciò che è primitivo, trasformando gli elementi agiti ed espulsi in qualcosa di pensato e pensabile. Con le storie create si può dare forma e significato a elementi impliciti che, stagliandosi dallo sfondo dello Scarabocchio, delineano ciò che prima era incomprensibile e senza nome. La griglia procedurale è sempre in divenire e aperta a nuove intuizioni e contributi, ma si snoda in questo modo: dopo aver scarabocchiato e aver trovato i contenuti del disegno, il paziente si abbandona alle proprie associazioni, ai ricordi, alle fantasie, alle quali possono alternarsi osservazioni e associazioni dell’analista. Il dialogo struttura un campo bipersonale nel quale avvengono i fenomeni abituali e centrali della relazione analitica; si tratta di una co-costruzione a partire dalle associazioni e dagli scambi verbali ed emozionali in seduta, ma talvolta è una costruzione solitaria, costruita dal paziente a casa, come se avesse raccontato una storia al proprio bambino interno per fargli compagnia e calmarlo quando si sente solo.
Il percorso analitico si apre così a un mondo di possibilità curative “perché qualunque dolore può essere sopportato se si traduce in una storia” (K. Brixen).

Nella terapia di coppia lo Scarabocchio rappresenta la possibilità di abbandonarsi ciascuno ai propri ricordi e alle proprie fantasie e associazioni per costruire un dialogo sincero, libero dalla severità del giudizio reciproco. Le diverse combinazioni di utilizzo dello Scarabocchio DT che si possono attuare a livello della coppia consentono di aprire altrettanti scenari relazionali/sensoriali inesplorati con la conseguente attivazione di momenti di incontro emotivo profondo.

  

Programma

 

9.00-9.30        Antonia Pendezzini/Techel

                        “Qual è il significato di un'analisi?”


9.30-10.00      Mauro Ambrosini

                      “Cercare una identità, riscrivere la propria identità: in due si può!”
                       con proiezione di una seduta di psicoterapia psicoanalitica (paziente di 20 anni) e applicazione
                       dello Scarabocchio Dinamico Trasformativo.

 
10.00-10.30    Discussione e domande di approfondimento

 
10.30-11.00    Paola Donati

                      “Lo Scarabocchio DT con un bambino ‘concreto’ come  attivatore di un processo”

 
11.00-12.00    Debora Moro e Laura Denti

                      Lo Scarabocchio DT come strumento nella consultazione con l’età evolutiva:

                        “Libertà di raccontare chi si è veramente!”

                       “L'inizio di una narrazione”

 

12.00-12.30    Marco Marossi e Nicoletta Piantoni

                      “La pratica dello Scarabocchio DT come co-costruzione nella terapia delle coppie”

 

12.30-13.00    Discussione, domande e termine dei lavori

 

Colloquio di Verifica ECM

 

Bibliografia

Techel A. (2015), Non dormo…quasi quasi scarabocchio. Per un’estetica relazionale, Borla, Roma.

Techel A. (2002), “L’utilizzo della musica e dello scarabocchio in un asilo nido”, Rivista Italiana di Gruppo-analisi, Vol. XVII n . 1/2003 Franco Angeli, Milano.

Techel A. (2003), “Tra psicoanalisi e poesia”, Arti e terapie, n.1-2/2003, Periodico a cura dell’Associazione europea per le Arti Terapie e della cattedra di psicofisiologia clinica dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, Roma.

Techel A. (2008), “Il creare del paziente, il creare dell’analista. Lo scarabocchio, un possibile ponte verso il protomentale”, Rivista Italiana di Gruppo-analisi, Vol. XVII n . 1/2008 Franco Angeli, Milano.

Bion W.R. (1981), Il cambiamento catastrofico, Loescher, Torino

Bion W.R. (1970), Analisi degli schizzofrenici e metodo psicoanalitico, Armando, Roma

Bion W.R. (2007), Seminari Tavistock, Borla, Roma

Ferro A. (1992), La tecnica nella psicoanalisi infantile, Cortina, Milano

Ferro A. (1999), La psicoanalisi come letteratura e terapia, Cortina, Milano

Klein M., Heimann P. (1970), Nuove vie della psicoanalisi, Il Saggiatore, Milano

Spira M. (1986), Creatività e libertà psichica, Borla, Roma.

Spira M. (1993), Alle sorgenti dell’interpretazione, Borla, Roma.

Spira M. (2005), L’idealizzazione, Borla, Roma.

Stern D. (1999), Diario di un bambino, Mondadori, Milano.

Stern D. (2005), Il momento presente, Cortina, Milano.

 

 

Relatori

Mauro Ambrosini

Psicologo, psicoterapeuta e Socio ASP. Laureato nel 2001 presso l'Università degli Studi di Padova e successivamente specializzato in psicoterapia dell'età evolutiva ad indirizzo psicoanalitico presso la SPP (Scuola di Psicoterapia Psicoanalitica) di Milano. Ha frequentato un triennio di perfezionamento sui test proiettivi (Rorschach, TAT e CAT) presso lo studio della dott.ssa Morano Daniela a Brescia. Attualmente svolge attività clinica presso l'Unità Operativa di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza dell'Ospedale di Romano di Lombardia (BG). Inoltre svolge attività di psicoterapeuta in ambito privato e attività di psicologo scolastico presso l'Istituto Comprensivo "Sacra Famiglia" (Nido, Scuola dell'Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado) a Martinengo (BG). E’ membro del Kairòs, gruppo di ricerca ASP sul processo in psicoterapia, e del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio Dinamico Trasformativo.

Laura Denti

Psicologa clinica e psicoterapeuta. Si è laureata a Padova e specializzata a Milano presso la Fondazione Bonaccorsi, Scuola di Psicoterapia a indirizzo psicanalitico. Ha collaborato per alcuni anni con il consultorio U.C.I.P.E.M. di Lodi e per una Unità di Neuropsichiatria Infantile e Adolescenziale per il Fatebenefratelli di Milano. Attualmente collabora con il servizio di Neuropsichiatria Infantile presso l’Ospedale Oglio Po e svolge attività privata a Crema con bambini, adolescenti e adulti. E’ membro del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio Dinamico Trasformativo.

Paola Donati

Psicologa e psicoterapeuta. Laureata nel 1996 presso l'Università degli Studi di Padova e successivamente specializzata in psicoterapia ad indirizzo psicanalitico presso la Fondazione Francesco Bonaccorsi, Istituto Italiano di Psicoterapia, Formazione e Ricerca. Ha svolto attività presso il reparto di Neuropsichiatria infantile dell' Ospedale Civile di Brescia e presso l'Istituto "Angelo Custode", Centro Medico di riabilitazione di Predore, Bergamo, occupandosi prevalentemente di disturbi psichici emergenti nell'infanzia e nell'adolescenza. Attualmente svolge attività di psicoterapeuta in ambito privato per la cura di disturbi e sintomi che compaiono nella prima infanzia, nell'adolescenza nell'età adulta e attività di Consulenza Tecnica d'Ufficio per il tribunale di Bergamo. E’ membro del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio Dinamico Trasformativo.

Marco Marossi

Psicologo e psicoterapeuta. Laureato nel 1986 presso l'Università di Padova e specializzato in psicoterapia nel 1991 presso la Scuola Superiore di psicoterapia e psicosomatica di Cremona. Libero professionista, si occupa di adolescenti (ha lavorato come insegnante e psicologo scolastico nella scuola superiore), giovani e adulti con attenzione a problematiche ansioso-depressive e psicosomatiche, operando individualmente e in gruppo. Operatore dal 1995 presso l'Associazione Psicologia e Psicoterapia “Il Conventino” e del Consultorio Famigliare “C. Scarpellini” di Bergamo, propone interventi di psicoterapia psicoanalitica integrata da interventi cognitivi, corporei e arteterapeutici. E’ membro del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio Dinamico Trasformativo.

Debora Moro

Psicologa, psicoterapeuta. Laureata in psicologia a Padova e successivamente specializzata in psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico, presso la scuola di formazione “Il Ruolo Terapeutico” di Milano. Svolge la propria attività clinica nell’ambito della Neuropsichiatria Infantile come psicologa libera professionista, dove si occupa di problematiche inerenti l’età evolutiva, in particolare del disagio adolescenziale. In  privato svolge percorsi di consultazione e psicoterapia individuale per bambini, adolescenti ed adulti. Svolge inoltre attività di volontariato c/o un Consultorio familiare e ha condotto percorsi educativi di espressione corporea, percorsi di accompagnamento alla nascita e sostegno psicologico ai familiari dei malati di demenza. E’ membro del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio Dinamico Trasformativo.

Antonia Pendezzini/Techel

Di formazione umanistica, Antonia Pendezzini è laureata in psicologia e ha condotto un’analisi personale con un docente dell’ASP (Associazione psicoanalitica). Professionalmente si è formata frequentando centri di psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico quali: il “Centro Copernico per la ricerca psicoanalitica individuale e di gruppo”, il “Dipartimento di Neuropsichiatria infantile dell’Università Statale di Milano – sede Ospedale S. Gerardo di Monza”, la SGAI – Società Gruppo Analitica Italiana e lavorando con psicoanalisti quali Meltzer, Resnik, Spira, Charmet, Mancia, Fusini, Carati, Bertolini, Giannakoulas, Napolitani…
Nella scuola, dove ha lavorato come psicologa e come dirigente scolastica, ha avuto la possibilità di curare in particolare l’area  delle emozioni e degli affetti sottostanti i processi di apprendimento. Nel 2003, con un gruppo di colleghi, ha fondato il centro “Nuovo Copernico. Centro per la ricerca psicoanalitica individuale e di gruppo” di cui è stata per alcuni anni presidente con compiti, fino al 2011, di progettazione, organizzazione e gestione di percorsi di formazione con crediti ECM per medici e psicologi. Dal 2011 è  responsabile scientifica e docente nei Seminari con crediti ECM “Lo scarabocchio nel lavoro clinico” realizzati da PROTEO.

Nicoletta Piantoni

psicologa e psicoterapeuta. Laureata a Padova, ha frequentato la scuola di specializzazione psicoanalitica lacaniana di Milano. Lavora privatamente e collabora da anni con le scuole di diverso grado, nella formazione di insegnanti e genitori. E’ membro del gruppo di ricerca sullo Scarabocchio Dinamico Trasformativo. Da anni frequenta il "Centro Nuovo Copernico", centro di formazione psicoanalitica individuale e di gruppo.

 

 

ECM
___________________________________________________________________________

L’evento ha ottenuto l’accreditamento di 4,3 crediti formativi per i primi 30 iscritti.

Se si è interessati ai crediti ECM prima di procedere con l'iscrizione è opportuno contattare la segreteria ASP (026706278) per avere informazioni sulla effettiva disponibilità.

 

Quote di partecipazione (vedi anche codici sconto da inserire all'atto dell'iscrizione online)

20 euro Soci, Candidati soci, Studenti IV anno SPP e altre scuole di specializzazione MIUR; (codice sconto: socioasp40)
30
euro iva compresa, Aggregati, Ex allievi SPP a.a. 2014 - 2016; (codice sconto: aggregatoex40)

40 euro iva compresa Professionisti Esterni.

 

Il versamento della quota di partecipazione può essere fatta sul c/c intestato a

ASSOCIAZIONE DI STUDI PSICOANALITICI UBI BANCA – FILIALE MILANO DORIA

IBAN: IT75B0311101654000000001058 

causale: Nome e Cognome, Sabato ASP 14/10/2017

 

È possibile iscriversi ON LINE cliccando qui

 

È gradita la prenotazione presso la Segreteria:

Tel:   02 6706278       e-mail:   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.