• Giornata di Studio ASP con FERRUCCIO MARCOLI e SAUL BRANCA, 30 novembre 2019
    FAR BALLARE L’ORSO DI NOME BION. DALLA TEORIA DEL PENSIERO ALLA PSICOTERAPIA RIGENERATIVA
  • CICLO DI SEMINARI ASP
    SEMINARI TEORICO CLINICI E DI SUPERVISIONE CON IL DOTT. ANTONELLO CORREALE
  • SEMINARI PSICOANALITICI SULLA PSICOSI
    Trómos/Terrore - Seminari psicoanalitici sulla psicosi - Dottor Mauro Manica
  • Secondo Ciclo di seminari con il dott. Mauro Manica Anno 2019
    "ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI DELLA PSICOANALISI IN UNA NUOVA CHIAVE"

Area riservata ai Soci

SETTING

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER per rimanere sempre informato sulle iniziative dell'ASP.

VISITE AL SITO ASP

OggiOggi22
IeriIeri90
In settimanaIn settimana251
Nel meseNel mese1037
TotaleTotale64396

GRUPPO PSICOANALITICO CONTENITORI-CONTENUTI - 2019

by Super User
Visite: 916

 

 

PER ISCRIZIONE ONLINE CLICCA QUI

 

PROGRAMMA

Il Gruppo Psicoanalitico Contenitori Contenuti si pone come contenitore di contenuti estrapolati dalla discussione di casi osservati all’interno di contesti pubblici e privati.

Un pensiero psicoanalitico e un lavoro di confronto interattivo e di intervisione proveniente da ambienti lavorativi psichiatrici, neuropsichiatrici, giuridici, scolastici, comunitari, psicoterapeutici, psicoanalitici.

Un’esperienza di condivisione prevalentemente ispirata alle teorie bioniane, ma desiderosa di volgere lo sguardo all’insieme di teorie e tecniche psicoanalitiche che, avendo come partenza il pensiero freudiano, si sono succedute, dando vita all’inestimabile valore del pensiero analitico, oggi, di nostra conoscenza.

L’esperienza della coppia analitica e la sua possibilità di osservarla all’interno di un contenitore gruppale può, secondo le riflessioni dei componenti del gruppo di lavoro nascente, permettere di attraversare il mortifero inteso come esperienza di conoscenza al fine di renderlo pensabile e trasformabile in elemento vitale.

E’ pensando alla realizzazione di K e al successivo cambiamento teorico O aggiunto da Bion in Trasformazioni (1965) che il gruppo desidera “interrogarsi” osservando le infinite modalità relazionali che caratterizzano il lavoro della coppia analitica/terapeutica, rivolta, sempre e comunque, ad un lavoro di integrazione, trasformazione ed esperienza delle conoscenze e delle ambivalenze all’interno di uno spazio terapeutico dove, la preziosità dell’insaturo, diventa elemento evolutivo oltre che esperienziale.

O è un cambiamento teorico decisivo che fa ruotare tutto l’apparato della psicoanalisi come modello concettuale e come pratica clinica da K a O, da ricerca della conoscenza a fare esperienza di O.

O non si può conoscere, ma se ne può fare esperienza, esperienza che diventa il vertice del lavoro analitico e il suo scopo. Essere all’unisono con O significa anzitutto riconoscere la propria esperienza emotiva, potersi ritrovare con se stesso, essere uno con se stesso.

E’ nell’inconscia disponibilità ad “esserci” che si esplica la funzione di reverie di cui parla Bion, funzione che si può sviluppare all’interno di un contenitore pensato come processo di una funzione alfa vicaria che trasforma e apre scenari vitali e vitalizzanti.

Dice Bion: “Pensare (è) un evento prodotto a seguito delle richieste imposte dall’esistenza di pensieri, non viceversa.”

Una mente vitale, caratterizzata da una buona  relazione  tra contenitore e contenuto, è una danza dinamica di energia, flusso emotivo in cui l’uno crea l’altro.

Movimenti relazionali che si attivano all’interno del lavoro di intervisione del gruppo dove le idee e riflessioni presentate dal singolo incontrano e si animano nell’incontro con le nuove e altrui idee del gruppo.

Spesso all’interno delle prese in carico possono comparire situazioni traumatiche di differente gravità. La possibilità di considerare tali esperienze traumatiche, osservando quanto il vecchio trauma sia un pensiero catastrofico che distrugge la “pelle” vecchia nella quale è stato conservato, può apportare spazi di “salvezza” psichica, qualora vi sia la presenza di una mente nuova (inizialmente quella dell’analista) che può supportarla. E’ questo l’aspetto positivo, spesso trascurato, del cambiamento catastrofico. In altri termini, la mente nuova viene creata dal pensiero nuovo.

Un contenitore, dunque, costituito da un gruppo di lavoro pensato come un’analista-madre che, raccogliendo i “pensieri selvaggi” osservati all’interno delle differenti situazioni di prese in carico che di volta in volta saranno presentate, si muoverà confrontandosi all’interno di scambi atti a rendere maggiormente digeribili, significabili ed esperienziali gli elementi beta rintracciabili.

Il gruppo è per ora composto da 5 partecipanti, sono previsti 10 incontri di un’ora e mezza cadauno, per un totale di 15 ore.

Il tetto massimo dei componenti del Gruppo è 12.

Il gruppo fa richiesta di ECM.

  

DATE INCONTRI 2019

26 Gennaio   ore    11.00-12.30

  2 Marzo      ore     11.00-12.30

  6  Aprile     ore     11.00-12.30

  4 Maggio    ore      11.00-12.30

  8 Giugno    ore      11.00-12.30

  6 Luglio     ore      11.00-12.30

14 Settembre ore    11.00-12.30

26 Ottobre   ore     11.00-12.30

23 Novembre ore  11.00-12.30

21 Dicembre ore   11.00-12.30

  

Il gruppo si riunisce nella sede ASP, Via Pergolesi 27, Milano.

  

QUOTE DI PARTECIPAZIONE E MODALITA’ DI ISCRIZIONE
(vedi anche codici sconto da inserire all'atto dell'iscrizione online)

Soci, candidati ASP - euro 80,00 (codice sconto: socioasp146)
Aggregati, ex allievi SPP a.a. 2016- 2018 - euro 122,00 (iva compresa) (codice sconto: aggregatoex146)
Professionisti esterni - euro 146,40 (iva compresa)

 

 PER ISCRIZIONE ONLINE CLICCA QUI

 

REFERENTE e CONDUTTORE

Silvia Micali

Silvia Micali, psicologa, psicoterapeuta e psicoanalista , è vice presidente ASP ,member IFPS.
Attualmente lavora in ambito privato con bambini, adolescenti, adulti e coppie a Novara. Laureata in Psicologia presso l’Università degli Studi di Torino  e specializzata presso la Scuola di  Psicoterapia Psicoanalitica (SPP)  di Milano.
Autrice di diversi articoli su riviste.
Dal 2017 referente e conduttrice del Gruppo di Studio e Ricerca “Gruppo Psicoanalitico Contenitori Contenuti” presso l’ASP.
Nel corso dell’anno 2017 relatrice al XX Forum of Psychoanalysis Societies in Firenze dal titolo:” Fear of fears: paralysis”.
Nel corso dell’anno 2016 ha partecipato alla Giornata di Studio: “Tribunali interni , tribunali esterni” in Milano.
Nel corso dell’anno 2015 relatrice al Convegno tenuto presso la sede dal titolo: “Adolescenza:Corpo ed emozioni nella relazione terapeutica”.
Ha fatto parte di un Gruppo di Studio  e Ricerca sull’Adolescenza presso l’ASP  di Milano e di un Gruppo di Studio presso l’Istituto Ricerche di Gruppo di Lugano.
Collabora in qualità di consulente , presso lo Sportello di Ascolto Psicologico , con l’Istituto Comprensivo Achille Boroli di Novara.
Collabora con l’AIGES ( Associazione Italiana Genitori Separati).
Collabora inoltre in qualità di consulente con il Gruppo Ortopedici Associati (GOA).
Ha svolto supervisioni a gruppi di assistenti sanitari. Ha condotto gruppi di mamme di Asili Nido.